Creati maiali con cellule di una scimmia: non sono sopravvissuti più di una settimana

0
223

Alcuni maialini il cui Dna contiene cellule di scimmia sono stati “creati” e fatti nascere, grazie a uno studio dell’Accademia delle scienze cinese.

I 2 maialini superstiti del concepimento sono sopravvissuti al massimo una settimana, a quanto pare per un problema di fragilità del procedimento di concepimento in vitro.

Il progetto di ricerca è stato condotto all’istituto di zoologia dell’università di Pechino dal team del professor Tang Hai. Sono stati creati 4mila embrioni di suino contenenti alcune cellule embrionali staminali di macaco cinologo. Di questi, solo 8 embrioni si sono effettivamente sviluppati e sono nati vivi, e 2 di questi è emerso che fossero chimere.

Nessuna chimera è però sopravvissuta e tutti gli 8 maialini nati sono morti entro una settimana. Non si pensa però che la morte degli esemplari fosse dovuta ad un problema durante la fecondazione in vitro (non sono infatti sopravvissuti neanche gli esemplari che non erano chimere).

Gli esperimenti precedenti

Non è la prima volta che l’uomo fa esperimenti di questo tipo: nel 2018 le università dies California e di Stanford avevano collaborato insieme alla creazione di un embrione uomo-pecora, rimasto in vita per 28 giorni. Anche in quel caso si era trattato di inserire cellule staminali umane all’interno di un embrione di pecora.

Si era trattato di un esperimento con forti implicazioni etiche e che aveva al tempo fatto discutere molto la comunità scientifica

L’abstract della ricerca dell’istituto cinese, pubblicato su Protein & Cells, spiega: “Riteniamo che questo lavoro faciliterà i futuri sviluppi dell’organogenesi xenogenica, avvicinandoci di un passo alla produzione di cellule e organi funzionali specifici del tessuto in un modello animale di grandi dimensioni attraverso la complementazione di blastocisti tra le specie”.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui